CATALOGO
lettera 22

image

(Immagine: libretto d’istruzioni della Lettera 22.)

La Lettera 22 è una celebre macchina per scrivere meccanica portatile realizzata dalla Olivetti. Fu uno dei prodotti di maggior successo della Olivetti negli anni cinquanta e ricevette premi sia in Italia (Compasso d’Oro nel 1954) sia all’estero (miglior prodotto di design del secolo secondo l’Illinois Institute of Technology nel 1959.

Negli anni ’50 l’Olivetti dedica una particolare attenzione alle campagne pubblicitarie per la Lettera 22. Il nuovo modello di portatile è rivoluzionario, leggero e solido, con una forma appiattita fino ad allora sconosciuta. La Lettera 22 è per il mercato di massa: la qualità e le prestazioni sono eccellenti, il prezzo è accessibile, si aggira sulle 40 mila lire (corrispondenti a meno di un mese di retribuzione di un impiegato medio di quell’epoca), ma per mantenerlo basso occorre realizzare forti economie di scala, ovvero grandi volumi di vendita. E allora la pubblicità deve sensibilizzare i potenziali clienti, mettere in rilievo il valore culturale dell’oggetto

Negli anni ’50 l’Olivetti dedica una particolare attenzione alle campagne pubblicitarie per la Lettera 22. Il nuovo modello di portatile è rivoluzionario, leggero e solido, con una forma appiattita fino ad allora sconosciuta. La Lettera 22 è per il mercato di massa: la qualità e le prestazioni sono eccellenti, il prezzo è accessibile, si aggira sulle 40 mila lire (corrispondenti a meno di un mese di retribuzione di un impiegato medio di quell’epoca), ma per mantenerlo basso occorre realizzare forti economie di scala, ovvero grandi volumi di vendita.
E allora la pubblicità deve sensibilizzare i potenziali clienti, mettere in rilievo il valore culturale dell’oggetto

La lettera 22 fu progettata nel 1950 dall’architetto e designer Marcello Nizzoli, collaboratore dell’azienda di Ivrea dal 1938, in collaborazione con l’ingegnere Giuseppe Beccio.

La lettera 22 fu progettata nel 1950 dall’architetto e designer Marcello Nizzoli, collaboratore dell’azienda di Ivrea dal 1938, in collaborazione con l’ingegnere Giuseppe Beccio.

La lettera 22 è una macchina per scrivere con leve di scrittura a pressione. Veniva venduta accompagnata da una valigetta in cartone o similpelle con maniglia in modo da agevolarne il trasporto.

La lettera 22 è una macchina per scrivere con leve di scrittura a pressione. Veniva venduta accompagnata da una valigetta in cartone o similpelle con maniglia in modo da agevolarne il trasporto.

L’insieme dei tasti di scrittura ha un’evidente mancanza: non è presente il tasto col numero 1 che si ottiene utilizzando la lettera l (elle) minuscola oppure la I (i) maiuscola; allo stesso modo non è presente lo zero, che si ottiene digitando la O (o) maiuscola. Sebbene questo oggi possa sembrare strano, era invece piuttosto comune nelle vecchie macchine per scrivere. Mancano anche i tasti per le vocali accentate maiuscole usate nella scrittura della lingua italiana.

L’insieme dei tasti di scrittura ha un’evidente mancanza: non è presente il tasto col numero 1 che si ottiene utilizzando la lettera l (elle) minuscola oppure la I (i) maiuscola; allo stesso modo non è presente lo zero, che si ottiene digitando la O (o) maiuscola. Sebbene questo oggi possa sembrare strano, era invece piuttosto comune nelle vecchie macchine per scrivere. Mancano anche i tasti per le vocali accentate maiuscole usate nella scrittura della lingua italiana.

"La lettera 22" misura 8,3 × 29,8 × 32,4 cm e ciò la rendeva, nonostante il peso di circa 4 chilogrammi, estremamente funzionale al trasporto per i canoni dell’epoca.

"La lettera 22" misura 8,3 × 29,8 × 32,4 cm e ciò la rendeva, nonostante il peso di circa 4 chilogrammi, estremamente funzionale al trasporto per i canoni dell’epoca.

Il Triennale Design Museum custodisce ben 6 modelli di lettera 22 in tre collezioni diverse compresa la collezione permanente, inoltre è esposta nella collezione permanente di design al Museum of Modern Art di New York. Veniva prodotta nello stabilimento Olivetti di Agliè - Torino.

Il Triennale Design Museum custodisce ben 6 modelli di lettera 22 in tre collezioni diverse compresa la collezione permanente, inoltre è esposta nella collezione permanente di design al Museum of Modern Art di New York. Veniva prodotta nello stabilimento Olivetti di Agliè - Torino.

Sono molti gli scrittori e i giornalisti che hanno trovato nella Lettera 22 una compagna ideale per il proprio lavoro. Ricordiamo, solo per citarne alcuni, Cesare Marchi, Enzo Biagi, Indro Montanelli (che non se ne separò mai).

Sono molti gli scrittori e i giornalisti che hanno trovato nella Lettera 22 una compagna ideale per il proprio lavoro. Ricordiamo, solo per citarne alcuni, Cesare Marchi, Enzo Biagi, Indro Montanelli (che non se ne separò mai).

Lettera 22 è il titolo di un cortometraggio opera prima del regista Rocco Triventi. Il protagonista Concetto Virri (interpretato dall’attore Alfonso Errico) passa le sue giornate in solitudine scrivendo 22 messaggi con la sua vecchia macchina per scrivere, appunto, la Lettera 22.

Lettera 22 è il titolo di un cortometraggio opera prima del regista Rocco Triventi. Il protagonista Concetto Virri (interpretato dall’attore Alfonso Errico) passa le sue giornate in solitudine scrivendo 22 messaggi con la sua vecchia macchina per scrivere, appunto, la Lettera 22.

Manifesto pubblicitario disegnato nel 1954 da Raymond Savignac per la macchina per scrivere portatile Lettera 22, qui riprodotto su una cartolina.

Manifesto pubblicitario disegnato nel 1954 da Raymond Savignac per la macchina per scrivere portatile Lettera 22, qui riprodotto su una cartolina.